Manhattan Village Hotel - Via Incoronata - Zona Impianti Sportivi - 67039 Sulmona (Aq) - Tel. 0864.51130 - Fax 0864.208268
Sulmona, città d'arte e cultura, nel cuore verde d'Abruzzo...
A 20 minuti da Roccaraso e dalle piste di Sci Montepratello...

SULMONA
E' posizionata a pochi passi dalle pendici della Maiella, è il centro più importante della Valle Peligna. La città vanta numerose bellezze artistiche che attraggono i turisti ma, nel contempo, l'economia della zona si basa essenzialmente sull'agricoltura e sull'industria. Questo comune, poi, è famoso in tutto il mondo per la produzione dei confetti. Da ricordare, infine, le attività commerciali e l'artigianato (in particolar modo l'oreficeria). Sulmona ha una storia antichissima risalente ad oltre due millenni fa. Centro molto conosciuto ai tempi dei Romani soprattutto perché ha dato i Natali al poeta Pubblio Ovidio Nasone. Una leggenda narra che la città sia stata fondata dal compagno di Enea, Solimo. Quello che è certo è che nel corso dei secoli Sulmona è sempre stato un luogo importante tanto che numerose volte è stato al centro di battaglie e di bombardamenti.

ROCCARASO (a 35 Km)
Roccaraso, con le sue belle ed attrezzate piste da sci sull'Aremogna, è la località sciistica più importante dell'intera Italia centro meridionale. Meta di turisti provenienti da altre regioni, questo Comune ha un' ottima ricezione turistica ed è da visitare anche in estate quando si possono ammirare degli splendidi paesaggi e suggestivi boschi del Parco Nazionale d'Abruzzo. Il nome di questo paese deriva con ogni probabilità da Rocca Rasino, ma altre fonti affermano che derivi dal Tedesco Roccarasen ovvero rocca vicino al torrente Rasino. Nel Medioevo si cominciò a parlare di questo centro per la presenza del monastero di S. Vincenzo al Volturno. Nel corso del secondo conflitto mondiale Roccaraso fu distrutta dai bombardamenti.

PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA (a 15 Km)
Il Parco nazionale della Majella, istituito nel 1991, è uno dei tre parchi nazionali dell'Abruzzo. È uno dei pochi parchi nazionali italiani con la peculiarità di presentarsi compatto dal punto di vista territoriale. Infatti, la sua area si raccoglie attorno al grande massiccio calcareo della Majella e alle Montagne del Morrone ad ovest e ai monti Pizi e Porrara ad est. La maggiore vetta compresa nell'area del parco è quella del Monte Amaro (2.793 metri).Nel parco sono state censite oltre 2.100 specie vegetali che rappresentano all'incirca un terzo di tutta la flora italiana; alcune specie sono state per la prima volta identificate dai botanici proprio in loco. Le specie animali sono invece oltre 150, tra cui posto di rilievo spetta al piviere tortolino

PARCO NAZIONALE ABRUZZO (a 70 Km)
Il Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise fu inaugurato a Pescasseroli (AQ) il 9 settembre 1922, mentre l'Ente Parco fu istituito il 25 novembre 1921 con direttorio provvisorio. Il primo nucleo protetto fu istituito dal comune di Opi in Val Fondillo e Camosciara il 2 ottobre 1921 e fu affidato all'associazione Pro montibus et sylvis fino al 17 gennaio 1923 quando l'ente ne ottenne la gestione. Il 25 marzo 1923 con Regio Decreto viene istituita la commissione amministratrice dell'Ente parco.[1] È compreso per la maggior parte (3/4 circa) nella provincia dell'Aquila in Abruzzo e per il rimanente in quella di Frosinone nel Lazio ed in quella di Isernia nel Molise. La direzione del parco è a Pescasseroli. Il Parco nazionale d'Abruzzo (con la legge n. 93 del 23 marzo 2001 Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, denominazione che non implica trasformazioni amministrative) insieme al Parco Nazionale del Gran Paradiso è il più antico parco d'Italia

SCANNO (a 32 Km)
Scanno sorge nell'alta valle del Sagittario e non lontano dal Parco Nazionale d'Abruzzo. Il paese è famoso per il suo Lago e per l'artigianato artistico. Qui, infatti, si possono ammirare pizzi, merletti, oggetti in rame e ferro battuto e gioielli tra cui spicca la famosa Presentosa una medaglia filigranata in oro. Suggestiva la festa che si celebra il 16 Agosto, il Catenaccio, un corteo nuziale d'epoca con i tipici costumi scannesi. Da vedere il centro storico. La prima volta nella storia in cui si parla di Scanno è su un atto del 1067 anche se nella zona i Romani, molti secoli prima avevano costruito un campo permanente. Nei dintorni è da vedere la suggestiva chiesetta della Madonna del Lago, sulle sponde del grande specchio d'acqua che ha preso il nome da Scanno.

kkk
kkk

[ Home ] - [ Ristorante ] - [ Camere ] - [ Servizi ] - [ Prezzi ] - [ Dove Siamo ] - [ Dintorni ] - [ Impianti di Sci ] - [ Meteo ] - [ Prenota ] - [ Offerte ]
Copyright © 2009; Internet Soluzioni Realizzazione e Posizionamento siti web in Abruzzo - Policy Privacy